Impianto elettrico

Gennaio 17, 2020
elettrico-1200x760.jpg

L’impianto elettrico è una componente tecnica importante negli ambienti domestici e ne determina anche il comfort. È complesso e articolato, perché composto da una serie di elementi, e “potenzialmente” pericoloso. Per questo le norme che ne disciplinano costruzione e installazione sono rigide e attente all’aspetto sicurezza: rinunciare al fai-da-te per qualsiasi intervento è quindi d’obbligo.

L’esecuzione dell’impianto deve avvenire infatti, solo da parte di imprese iscritte alla Camera di Commercio, così come ogni modifica , anche di piccola entità, deve essere effettuata da personale abilitato. Al termine dei lavori, la ditta esecutrice deve rilasciare la Dichiarazione di conformità del lavoro eseguito, che risulta essere l’unica modalità per certificare e soprattutto dimostrare che il circuito è a norma. Dalle funzioni principali della vita domestica a quelle strettamente legate alle abitudini personale e nelle abitazioni, si ha il bisogno dell’alimentazione elettrica. Un’energia irrinunciabile che richiede un impianto dedicato, da progettare ed eseguire con attenzione alla sicurezza . Solo così la casa è davvero comoda.

Oggi, il centralino singolo (cioè il quadro elettrico dell’abitazione, in genere posizionato vicino alla porta di ingresso) deve avere un interruttore generale e almeno due di quelli differenziali (detti “salvavita”). Il numero di linee dipende invece dai mq della casa e dal livello di impianto adottato. Oltre a questa parte tecnica, cioè il cuore, l’impianto elettrico domestico è formato da:
punti prese per l’attacco dei vari elettrodomestici;
interruttori magnetotermici;
interruttori semplici o composti per comandare i punti luce;
un sistema di messa a terra dell’impianto nella sua totalità (il conduttore di terra va portato all’interno del centralino).

All’installazione di un nuovo impianto: cosa fare?
Per installare un impianto nuovo, ma anche per integrare o modificarne uno esistente, bisogna preventivare una serie di interventi:
1. mappatura delle tracce (ovvero indicazione sulla muratura dei punti da scavare);
2. scanalatura (esecuzione delle tracce nella muratura per il passaggio dei cavi);
3. posizionamento delle cassette e delle scatole “portafrutti”;
4. posizionamento dei tubi a protezione dei cavi e passaggio dei cavi;
5. chiusura delle tracce e ripristino delle superfici murarie;
6. collegamento degli apparecchi;
7. cablaggio delle cassette di derivazione.

Lavori realizzati

Copyright by Tekno Impianti ©2020 | P.IVA 05259260825 - Design by Webvox.it
Open chat